Le nuove professioni della politica

Dai partiti al paradigma della comunicazione, passando per il primato del sondaggio e dell’opinione pubblica; dai professionisti della politica ai professionisti per la politica.

GeopEC - Osservatorio Geopolitico sulle Elite ContemporaneeOsservatorio MediamonitorPolitica esplorano il mondo dei mestieri delle nuove elite che affiancano il decisore pubblico ed il politico attraverso un ciclo di incontri seminariali volto a raccogliere e confrontare dati e testimonianze di esperti del settore e docenti universitari.


Le elezioni come inchiesta sociologica

Immagine principale: 

A dieci anni dalla scomparsa di Gianni Statera, le Facoltà di Scienze della Comunicazione e Sociologia e i Dipartimenti di Sociologia e Comunicazione, Ricerca Sociale e Metodologia Sociologica, Innovazione e Società, e la fondazione “Gianni Statera”, organizzano un ciclo di incontri seminariali volti ad approfondire il contributo dello studioso nel campo della sociologia elettorale, delle relazioni internazionali e della teoria dell’azione sociale.


Il Berlusconi fuori luogo?

Immagine principale: 

C’era una volta un leader dalle certificate capacità mediatiche, che, al centro delle polemiche giudiziarie di una campagna elettorale ad alto tasso di drammatizzazione (Pasquino, 2002), telefonava in diretta in una celebre trasmissione televisiva.


"Orizzonti glocali": Cina – Iran: la censura corre sul web

Immagine principale: 

Mentre in tutto il mondo, la comunicazione è diventata il settore trainante dell’economia e elemento fondamentale per ogni campo della società, in Cina la battaglia per affermare la libertà di consultare e di intervenire nelle Rete mondiale è ancora molto lunga.


La voce del padrone?

Immagine principale: 

Il lungo collegamento telefonico realizzato ieri sera a Porta a Porta con il Presidente del Consiglio rappresenta il climax dell’ultima puntata di uno scontro istituzionale che si alimenta della contrapposizione tra le istituzioni “presidiate” dai residui della “vecchia” politica e il “governo del fare”, che combatte per il suo diritto a portare a termine il mandato ottenuto nell’aprile dello scorso anno.  


Politica e new media, tocca a Sarkozy-Bruni

Immagine principale: 

Una nuova tappa a testimoniare il rapporto sempre più stretto tra politica e new media, protagonisti la coppia presidenziale francese. Il presidente Sarkozy, che finora non si è dimostrato particolarmente abile ed interessato all’uso dei social network, stupisce i francesi (e non solo) annunciando che racconterà “in diretta” su Twitter cosa succederà al prossimo vertice internazionale di Copenaghen sul clima.


Archivio Adnkronos, la politica aperta a tutti

Immagine principale: 

L’archivio storico dell’agenzia di stampa Adnkronos è, da oggi, aperto a tutti. Sarà possibile consultare sul sito i 5 milioni di documenti, ordinati in senso cronologico dal 1° gennaio del 1996 fino ad oggi. Dal G8 di Genova all’11 settembre 2001, dalla guerra del Golfo alla morte di Papa Giovanni Paolo II. I cosiddetti “lanci” di notizia resi pubblici sono suddivisi per categorie. Presente anche il tag “politica”, efficace mezzo di controllo ad esempio di notizie, avvenimenti, promesse, impegni. Uno strumento interessante per giornalisti, blogger e anche per osservatori e centri di ricerca del mondo accademico come Mediamonitor.


Franceschini scarica la Binetti tramite Twitter

Immagine principale: 

Il Pd ci ha preso gusto. Dopo le candidature per le Primarie a prova di web, ecco la dichiarazione, politicamente rilevante sia nei contenuti quanto nella comunicazione, con la quale Dario Franceschini scarica la compagna di partito Paola Binetti. “Dice che non può votarmi per le mie posizioni su laicità e testamento biologico. Sorry: rispetto le sue idee ma non cambio le mie”. Il segretario usa il proprio profilo su Twitter, per annunciare la sua decisione a meno di un mese dal congresso del Partito Democratico.


Oggi in edicola "Il Fatto Quotidiano"

Immagine principale: 

Esce oggi in edicola “Il Fatto Quotidiano”, il nuovo giornale diretto da Antonio Padellaro che non ha nessun editore di riferimento e non fruisce di alcun finanziamento pubblico; infatti, come scrive il direttore, “la proprietà è ripartita in piccole quote equivalenti tra un gruppo di soci che hanno come unico scopo quello di garantire l'autonomia del giornale e di far quadrare i conti”.


Contenuti via Feed Rss